Esiste catabolismo muscolare nel digiuno intermittente?

Noi ragazzi durante l’adolescenza viviamo un periodo estremamente conflittuale col nostro corpo. I cambiamenti che subisce ma anche le imposizioni dirette o meno della società in cui viviamo, ci portano a guardare al nostro aspetto fisico con sguardo critico, a volte fin troppo esagerato, ed a desiderare di modellare il nostro fisico con diete ed esercizi. Una pratica ottima per dimagrire, se esercitata col giusto criterio, è il digiuno intermittente ma molti si sono chiesti se sia un bene integrarla all’attività fisica o se vi è il rischio di catabolismo muscolare.

Innanzi tutto cos’è il catabolismo muscolare? Come sicuramente avrete studiato in scienze, saprete che il corpo umano può resistere fino a due settimane senza nutrirsi ma durante questo periodo, per sostenere le funzioni vitali primarie, esso intaccherà come prima cosa il tessuto muscolare alla ricerca di energia sottoforma di glucosio. Questo processo di “auto cannibalismo” è il catabolismo muscolare sul quale potrete trovare un’ interessante approfondimento al link in questo paragrafo.

Ora che abbiamo chiarito cos’è il catabolismo muscolare bisogna capire la differenza fra digiuno intermittente (intermittent fasting) e il digiuno prolungato (starvation). Il mito secondo cui non si può fare attività fisica durante il digiuno intermittente nasce proprio da un errore di interpretazione di queste due terminologie. La prima infatti indica un periodo di digiuno breve e controllato al quale si alterna l’assunzione di nutrienti bilanciati, mentre la seconda si riferisce ad un vero e proprio digiuno prolungato e forzato assolutamente dannoso per l’organismo e privo di qualunque apporto calorico.

Secondo alcuni studi è stato dimostrato che fare attività fisica durante il digiuno intermittente non comporta alcun rischio di catabolismo muscolare, poiché il glucosio assunto con una dieta corretta ed immagazzinato nel fegato, è più che sufficiente al fabbisogno del muscolo durante le attività sportive. Se volete provare questa pratica per dimagrire però il nostro consiglio è quello di rivolgervi ad una dietologa esperta e ad un personal trainer ben qualificato così da avere un programma di alimentazione e allenamento ben definiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *